Questo sito fa uso di cookie. Chiudendo questo banner e proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

Che cos’è ?

Il servizio di assistenza domiciliare punta ad aiutare le persone non del tutto autosufficienti, sole, o in stato di bisogno, a rimanere il più a lungo possibile nel proprio ambito familiare e sociale. Attraverso la cura della persona e dell’ambiente domestico, la socializzazione, l’informazione e la partecipazione ad iniziative ed attività culturali e ricreative, la persona destinataria del servizio di assistenza domiciliare riesce a conservare il più a lungo possibile la propria autonomia

 

I destinatari
Possono fruire del servizio di assistenza domiciliare coloro che sono residenti nei Comuni facenti parte del Consorzio, e che non dispongono di assistenza da parte di familiari e conoscenti.
Nel particolare il servizio è rivolto a:

  • persone con età superiore ai 65 anni che vivono da sole o in coppia, e che si trovano in condizione di isolamento, parzialmente o totalmente autosufficienti;
  • persone che vivono in famiglie con gravi difficoltà;
  • persone disabili, la cui disabilità sia accertata dalle competenti autorità sanitarie;
  • persone che già fruiscono di servizi sanitari o infermieristici o riabilitativi/educativi che necessitino di ulteriore assistenza.

 

In che cosa consiste il servizio
Le prestazioni sono fornite dall’assistente domiciliare (operatore in possesso della qualifica di Assistente domiciliare e dei servizi tutelari o di Ausiliare Socio Assistenziale o Educatore socio-sanitario o titolo analogo o esperienza acquisita sul campo in servizi analoghi; in appoggio alle attività di assistenza può essere coinvolto personale volontario ed obiettori in servizio civile, o tirocinanti provenienti da strutture formative o da altri enti) presso il domicilio dell’utente, e sono le seguenti:

  • cura ed igiene della persona, laddove non vi sono situazioni a rischio sanitario;
  • cura e riordino dell’abitazione;
  • lavatura, stiratura e rammendatura della biancheria e degli indumenti;
  • preparazione dei pasti a domicilio;
  • l’effettuazione di piccole commissioni come la spesa, il pagamento di bollette, l’acquisto di medicinali, o altro;
  • rapporti con le strutture ricreative e culturali del territorio per favorire la partecipazione dell’assistito;
  • interventi educativi (sostegno ai genitori, economia domestica);
  • interventi mirati a favorire la vita di relazione (anche attraverso l’interessamento solidale di volontari e del vicinato).

In caso di persone prive di familiari, potrà essere previsto un servizio di accompagnamento a visite specialistiche e l’assistenza in ospedale durante il periodo di ricovero dell’utente

 

Contributo a carico degli utenti

Gli utenti sono tenuti a contribuire al costo del servizio di assistenza domiciliare con un importo determinato in base al reddito del nucleo familiare. Per i soggetti portatori di handicap grave, certificato ai sensi della legge 104/92, la quota contributiva è dimezzata.

La contribuzione è relativa al numero di ore di servizio effettuate dall’assistente domiciliare, e va corrisposta alla fine di ogni mese all’assistente domiciliare che rilascia apposita ricevuta e versa poi l’importo al Consorzio.

Sono inoltre a carico dell’utente, i prodotti e gli strumenti per la pulizia e l’igiene della casa e della persona, per la preparazione dei pasti, ecc.

Di seguito, la tabella per calcolare il contributo dovuto per ogni ora di servizio di assistenza domiciliare, in base alle fasce di reddito del nucleo familiare determinate con l’indicatore Isee

Come si accede al servizio

I cittadini interessati che vogliano usufruire del servizio di assistenza domiciliare, o i loro familiari oppure i loro delegati, devono presentare la richiesta di ammissione al servizio, compilando il modello di domanda in distribuzione presso gli uffici dei Servizi Sociali del proprio Comune di residenza, o presso gli uffici del Consorzio, unitamente ai seguenti documenti:

  • Certificato del medico curante in cui si attesta la situazione sanitaria generale
  • Certificazione Isee del nucleo familiare.

Nelle situazioni di emergenza il Servizio di Assistenza domiciliare viene attivato con procedura d’urgenza, in accordo con il Comune o con l’Azienda Usl.

Una volta presentata la documentazione, il personale amministrativo del Consorzio provvede all’esame della stessa per accertarne la completezza, e stabilire le eventuali quote di contribuzione da applicare. A questo punto, le figure professionali del Consorzio raccolgono tutte le informazioni necessarie per valutare la situazione e decidere in sede collegiale il tipo e le modalità di intervento, la frequenza e la durata dello stesso. Dunque, l’utente ed il nucleo familiare vengono informati dell’intervento di assistenza domiciliare che gli verrà erogato.

Le richieste di intervento non ammesse all’erogazione del servizio per i limiti delle risorse a disposizione, verranno raccolte in una particolare lista d’attesa.

 

Durata del servizio
L’intervento viene attuato per il tempo indispensabile a superare le condizioni che hanno determinato lo stato di bisogno. A tale scopo periodicamente vengono effettuate delle verifiche.

Il servizio di assistenza domiciliare può cessare anche per le seguenti ragioni:

  • in caso di richiesta scritta da parte dell’utente
  • in caso di ricovero definitivo presso istituti
  • qualora venga ripetutamente meno il rispetto nei confronti del personale di servizio (molestie, aggressioni anche verbali, minacce, ecc)
  • qualora l’utente si assenti più volte nell’orario di servizio senza avere preventivamente avvertito l’assistente domiciliare
  • qualora l’utente non corrisponda il pagamento della quota oraria a suo carico.

 

Modulo per la richiesta del servizio

Piedimonte S. Germano (FR)  Piazza Sturzo s.n.c.

Orario di apertura al pubblico:
dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.00
martedì dalle 15.00 alle 17.00

tel 0776 403203 – 401003
fax 0776 404952

cons.servizisociali@libero.it